AAA…BBB

Oggi parliamo di rating.
Sai che strumento è?
Chi esegue questa valutazione?
A chi è rivolta?

Proviamo a fare un esempio: è come tornare a scuola.
C’è un comitato di professori che valuta e da una pagella.
A chi? Agli stati sovrani.

Perché viene fatta questa valutazione (appunto rating)?
Per capire la solidità finanziaria dello stato.

I voti sono espressi di solito in lettere.

Si parte dalla tripla A, che significa 10 e lode.
Per arrivare alla tripla B, che significa poco sotto la sufficienza.
Poi ci sono le lettere C e D, che vuol dire gravemente insufficiente.
Settimana scorsa un’agenzia di rating ha dato la pagella all’Italia: tripla B.

Questo cosa comporta? Che da un lato ci possono essere grandi opportunità di miglioramento per il nostro paese.
Dall’altra, che una situazione finanziaria di tensione, allontana gli investitori stranieri.

Ci sono altri paesi che hanno invece molta più credibilità internazionale, avendo come rating la tripla A.

La sfida del nostro paese Italia è in questo: arrivare ad avere almeno una A in pagella.
Ci vorrà tempo.
Si può fare, attraverso le riforme della pubblica amministrazione.

Ogni sei mesi incontriamo i professori.

Vedremo a ottobre 2019 cosa diranno di noi, se ci troveranno preparati o ancora così così.

Posted on: 2 Maggio 2019, by :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *