Adesso basta!

Quanto rende un conto corrente?

E una obbligazione dello stato Italia?

Chi ci sta aiutando?

Oggi ti parlo di come ci stanno facendo più belli come paese Italia di come siamo realmente.
Tutto noi conosciamo la situazione del nostro paese.
Siamo fantasiosi e un po’ artistici come popolo.

Siamo, purtroppo, anche un paese indebitato.
E non poco.

Debito non è per forza negativo come concetto.
Dipende.
Da che cosa secondo te?
Dalla finalità delle spese che faccio.

Fare un mutuo per l’acquisto della prima casa è un passo importante e corretto.
Fare un debito senza programmazione è un suicidio.
Debito può significare investimenti in infrastrutture.
Ad esempio? Scuole, ospedali, treni, autostrade, sicurezza.
Debito può anche significare perdita, costante e non recuperabile.

Ecco, noi oggi siamo in questo ultimo caso.
Qui è importante capire come si muove il mercato finanziario.

Perché se ho debito non controllato e finalizzato a far crescere un paese, ho prevalentemente rischio.
E il rischio che sale, dovrebbe darmi più rendimento.

Non è così.
Oggi se investo a 10anni in Italia, guadagno poco meno dell’1,5% all’anno.

Perché è così?
Perché non si permette al mercato di essere obiettivo.
C’è qualcuno che ci continua a dare ossigeno.
Quel qualcuno, a mio parere, è la Banca Centrale Europea.
Ero d’accordo sugli aiuti, per qualche tempo.

Non ora.
È tempo di dire basta.
Di essere capaci da soli di camminare con le nostre gambe.

È giusto che il mercato finanziario ci metta sotto pressione e dica chiaramente quanto secondo lui valiamo come relazione rischio-rendimento.
Questo giudizio, vero e non artificiale come abbiamo oggi, farà capire a chi ci guida e governa che è ora di smetterla di prenderci in giro.
E di fare ciò che serve.

Debito? Anche quello, stavolta però orientato a piani economici ed industriali di crescita.
Oggi siamo malconci.

Possiamo farcela.
Anche da soli.
Basta essere sostenuti (e un po’ ricattati) da questo sistema.
Meglio un paio di schiaffi per svegliarci e ripartire.

Se me lo permetti, desidero esserti utile a livello pratico.
Nei prossimi mesi, comunque entro il 2019, alleggerire le posizioni sui nostri titoli di stato, soprattutto a lunga scadenza. I prezzi potrebbero scendere.
Sarà poi una bella occasione d’acquisto.

Se vuoi approfondire questo momento economico e finanziario, contattami. Sarà divertente confrontarci.

Posted on: 17 Maggio 2018, by :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *